Cambia l’ora, non il buonumore!

Tempo di lettura stimato: 4 min

Buongiorno amiche e amici! Che bello quando le giornate si allungano, e il venticello un po’ più mite fa ballare i fili d’erba dei prati! 

Dicono però che la spensieratezza e la solarità abbiano un piccolo lato oscuro: avete mai sentito parlare di effetto “jet-lag”? 

La mia amica Vanity, che vuole sempre apparire al meglio, mi ha già detto che andrà a dormire prima per combattere le occhiaie e il colorito spento ma non basta farlo solo la sera stessa. 

Per rimediare alla perdita di sonno senza stress per l’organismo, bisognerebbe recuperare il sonno perduto andando a letto circa 15 minuti prima, non solo uno ma più giorni, prima e dopo il cambio dell’ora.

Sembrerebbe che questi effetti “jet-leg” si possano protrarre fino ad un mese dopo il cambio dell’ora: soprattutto nei soggetti più sensibili. Alcuni studi hanno dimostrato che a cavallo di questo periodo aumentino i livelli di stress causando stanchezza, spossamento, poca reattività, e quindi tristezza eccessiva. 

Questo accade perché si scombussola il ritmo circadiano, cioè quello delle 24 ore, sballando il nostro organismo che la mattina, vedendo che il cielo è buio, si sente più stanco; la sera invece si ritrova troppo attivo, con quell’ora di luce in più a cui non era abituato. Questo disturba la qualità del nostro sonno!

Ma come, non è possibile che l’arrivo della primavera faccia sentire così! Allora ho deciso di fare un piccolo elenco per aiutarvi a tenervi stretto il buonumore. Quanto al sonno, fate come dice Sorriso: “lancette avanti, dormite di più o sarete stanchi. Lancette indietro, più tempo per dormire, non è un segreto!” 

Il primo consiglio è quello di avere una buona routine, quindi di andare a dormire sempre alla stessa ora, provateci! 

Secondo, spegnete il cellulare. La luce degli schermi di telefoni e computer può disturbare il nostro sonno senza che ce ne accorgiamo, ecco perché sarebbe meglio non addormentarsi davanti alla tv accesa. Vi è mai capitato di addormentarvi sul divano e di svegliarvi senza sentirvi affatto riposati? Dipende proprio da questo, dalla qualità del sonno.

Fate una bella passeggiata. Fare attività fisica, come dice sempre Energy, aiuta a regolare i livelli di serotonina, l’ormone del buonumore! Sarebbe meglio farla la mattina, perché fare esercizio fisico la sera stimola la produzione di adrenalina che potrebbe rendervi più agitati del solito.

Fate il pieno di vitamine, che sono alleate del buonumore. Il cibo è un vero toccasana per quando ci sentiamo giù, abbiamo bisogno di tutti i nutrienti per essere al meglio di noi, quindi tanta frutta e verdura, per ridurre stanchezza e affaticamento.

A proposito di pancia piena… beh, diciamo non troppo piena! Perché se mangiate fino a scoppiare, soprattutto cibi elaborati, potreste fare fatica ad addormentarvi. Meglio concedersi durante la prima settimana dopo il cambio dell’ora una cena leggera e poi fare una bella colazione abbondante.

Ultimo consiglio, ma forse il più importante: vogliatevi bene! È importantissimo concederci qualche coccola in questi giorni di scombussolamento. Un bel bagno caldo con qualche olio essenziale. Un vestito colorato per sentirci riequilibrare le energie, trascorrere una serata con amiche e amici o in famiglia, ascoltare una canzone che ci piace e fare un disegno per scaricare lo stress. 

Forse è proprio questa la terapia migliore, del resto lo dice sempre Galileo che prevenire è meglio che curare! 

Quindi iniziate con qualche settimana di anticipo! Cuffietta nelle orecchie, sciarpa colorata (perché anche se è primavera, ci si veste a cipolla! Come si dice, marzo pazzerello!) e sorrisi da dispensare a tutti. 

Ah, non ve l’ho detto? Sapete qual è un altro modo per sentirci ricaricati e felici? Fare 5 (non uno di meno) gesti gentili ogni giorno!