Giornata della Felicità

Che cos’è la felicità? Se lo chiedete al mio amico DJ vi risponderebbe cantando tutte le canzoni che conosce a tema felicità come ad esempio “…mangiare un panino con un bicchiere di vino la felicità…” di Albano e Romina o “…che sapore ha la felicitàààà!” dei Negrita. E se cantare fa bene, suggerisco di farlo ogni giorno, il 20 marzo fate tutto ciò che vi stare bene perché in questo giorno si celebra la Giornata Internazionale della Felicità, creata dall’Organizzazione delle Nazioni Unite, il 28 Giugno 2012: il motivo? Non importa quanta ricchezza possa raggiungere un popolo se non si riesce a portare la felicità.

Avete mai sentito parlare di FIL, cioè Felicità Interna Lorda? Proprio come il PIL (il Prodotto Interno Lordo) si usa per calcolare la ricchezza economica di una nazione, il FIL serve a conoscere il livello di felicità di uno Stato, che è ugualmente importante.

Un esempio dell’utilità di conoscere il proprio FIL è dato dal Bhutan, un piccolo stato montuoso in Asia dove da anni il FIL è l’indicatore usato per conoscere il benessere dei suoi abitanti. I criteri presi in considerazione sono la qualità dell’aria, la salute dei cittadini, l’istruzione e la ricchezza, sì…ma dei rapporti sociali! Secondo il FIL, il Bhutan è la seconda nazione più felice del continente e l’ottava nel mondo. Un paese tra i più felici può insegnare a tutti gli altri che non sempre sono le cose materiali a portare le felicità.

La verità è che la felicità nasce dentro ognuno di noi, come un germoglio che fa coltivato facendo ogni giorno qualcosa di molto importante: diffondendo gentilezza, comprensione, tolleranza e buonumore. Sono queste le mattonelle su cui costruire il sentiero che porta alla felicità! Non so se lo sapete, ma la felicità è contagiosa, per questo chi è positivo finirà con il contagiare gli altri con il suo ottimismo. Non pensate anche voi che sia questo il segreto per essere felici? Condividere il bello della vita con quante più persone possibili, anche attraverso gesti quotidiani e preziosi come un saluto o una stretta di mano. Perché felicità è sorridere ad uno sconosciuto, passeggiare sulla spiaggia, correre in un prato, vedere le forme nelle nuvole, guardare un film con gli amici, farsi una risata in compagnia, sentirsi leggeri come un palloncino: Felicità è tutto questo e anche mille altre piccole grandi cose!