Quanto fa bene bere acqua. Specialmente in gravidanza.

Oggi parliamo di dieta equilibrata, che si sa che “chi ama mangiare bene sa quanto sia importante assumere gli alimenti idonei”.  Tra questi, frutta e verdura fresche, in particolare in estate, e acqua. L'acqua è un toccasana per la salute della pelle e dell'organismo, soprattutto in gravidanza perché aiuta a rendere l'attesa più “dolce”.

La maternità è uno dei momenti più belli e indimenticabili nella vita di ogni donna, se non fosse per alcuni disturbi che possono essere causa di malessere psico-fisico per le future mamme, e in parte anche per il feto. Tra i segnali più diffusi: la stipsi o comunemente chiamata stitichezza, la cistite, la ritenzione idrica, i crampi e la comparsa di smagliature.

Insieme alla predisposizione della gestante, il loro insorgere è spesso provocato dalla disidratazione, una perdita consistente di fluidi dal corpo che è diretta conseguenza delle nausee con vomito, di eventuali episodi di dissenteria, di una sudorazione eccessiva e di un insufficiente consumo di acqua. Quest'ultima rappresenta una risorsa molto preziosa durante la gestazione perché permette di reintegrare i liquidi persi agevolando il normale funzionamento dell'organismo, alterato dalla grande produzione di ormoni. Come suggerisce il Ministero della Salute Italiano, infatti, bere almeno due litri di acqua oligominerale in gravidanza è tanto importante quanto un'alimentazione sana ed equilibrata, ricca di alimenti freschi fonte di vitamine e sali minerali.

I benefici dell'acqua sulle future mamme

Gli sbalzi ormonali e nella fattispecie l'abbondanza di progesterone, utile alla preparazione dell'apparato riproduttivo per la gravidanza e al mantenimento dell'utero in condizioni ideali per lo sviluppo dell'embrione, sono il principale responsabile della stitichezza nei primi mesi di gestazione. A rendere complicato il transito intestinale nella seconda metà della gravidanza subentra invece l'aumento del volume dell'utero che ostacola l'espulsione delle feci.

Oltre alla sensazione di gonfiore, la stipsi non aiuta neppure l'apparato urinario, che in questo modo si trova maggiormente a rischio cistite. Causata da un batterio regolarmente presente nella flora batterica dell'intestino, l'insorgere di questa infezione in gravidanza è molto frequente proprio per via della stasi fecale e dello squilibrio ormonale.

Per contrastare la stitichezza e la cistite è quindi importante assumere il giusto quantitativo di acqua che, favorendo il transito intestinale, la diuresi, l'espulsione di tossine, il ricambio di liquidi e l'idratazione della pelle, aiuta anche a prevenire la ritenzione idrica, la cellulite e le smagliature. Perché una gravidanza serena fa bene sia alla salute della mamma sia a quella del bambino.

Fonte: Lifegate