Le terme più belle d’Europa.

Quando il lavoro e le faccende quotidiane diventano troppo stressanti, provate a concedervi una breve pausa all’insegna del relax e del benessere psico-fisico. Ecco alcune terme tra cui scegliere.

Immaginate di immergervi in acque bollenti e sulfuree circondate da panorami pittoreschi che lasciano senza fiato: esistono dei luoghi in cui potrete sperimentare in prima persona quest’esperienza unica e indimenticabile. Dal mare alla montagna, l’Europa è infatti popolata da numerose sorgenti di acqua termale che danno vita a centri benessere da sogno.

Situati in contesti dove l’incanto della natura funge da cornice perfetta per un bagno di relax, alcuni stabilimenti termali nascono all’interno di strutture antiche che risalgono ai Romani o alla tradizione araba degli hammam. Partendo dall’estremo nord del vecchio continente, vi segnaliamo quali sono le terme più belle e sensazionali che meritano sicuramente una visita.

Fiume caldo di Reykjadalur in Islanda

Immerso tra le montagne innevate d’inverno e la vegetazione vulcanica d’estate, questo fiume attraversa quella che viene chiamata la valle di Reykjadalur, ovvero “del vapore”. Non a caso si tratta di un’area di sorgenti termali facilmente percorribile attraverso un sentiero di circa 3 km dal quale, prima di arrivare al tratto di fiume balneabile, è possibile ammirare numerose fumarole e pozze d’acqua bollente.

Terme romane di Bath in Inghilterra

Costruito sotto l’imperatore Vespasiano nel 75 d.C., il complesso termale è stato completamente riedificato nel Settecento quando un signore dell’alta borghesia londinese decise di creare un luogo di incontro per i nobili della città. Oggi lo stabilimento è sede di un museo all’interno del quale non è più concesso bagnarsi per ragioni di sicurezza sanitaria, ma a pochi metri di distanza sorge un nuovo centro benessere che utilizza le stesse acque termali filtrate. (vedi immagine sotto)

Terme di Gellert a Budapest

Soprannominata anche la città delle terme, Budapest si fregia di 118 sorgenti naturali che producono intorno ai 70 milioni di litri di acqua termale al giorno. Tanto i Romani quanto gli Arabi hanno trovato in questa città un luogo perfetto per costruirvi le loro oasi di benessere, ma il centro termale più affascinante della capitale ungherese è senza ombra di dubbio quello di Gellert, inaugurato nel 1918 in piena Belle Epoque. 

Terme bagni vecchi di Bormio

Situati nel cuore delle Alpi lombarde, i bagni vecchi di Bormio offrono una vista unica sulla catena montuosa più imponente d’Italia. Un pezzo di storia romana e medievale totalmente restaurata e alimentata da nove sorgenti di acqua ipertermale che sgorga alla temperatura variabile fra i 37 e i 43 gradi, a seconda delle stagioni.

Terme di Saturnia

Sono famose in tutto il mondo per il contesto naturalistico che le circonda e si compongono di grandi vasche calcaree create dalle acque termali ricche di calcio che fluiscono formando una serie di cascatelle. Secondo la mitologia, il loro nome deriverebbe dalla legenda che narra di come la fonte termale sia stata creata da un fulmine di Giove scagliato contro il padre Saturno.

Lago specchio di Venere a Pantelleria

Si tratta di un lago creatosi naturalmente all’interno del cratere di un antico vulcano, alimentato dalle piogge e dalle sorgenti termali che raggiungono temperature intorno ai 40/50 gradi. Il risultato è una distesa di acque cristalline e sulfuree con fondali nero-verdastri composti da fanghi ricchi di proprietà nutrienti per la pelle.

Terme di Furnas alle Azzorre

All’interno del parco Terra Nostra, popolato da numerose specie di piante autoctone e tropicali, si trova uno degli impianti più particolari al mondo: un’enorme vasca di acqua termale ferruginosa che assume una colorazione sulle tonalità del giallo-marrone. Questo insolito fenomeno la rende una delle attrazioni più gettonate dai turisti di passaggio sull’isola di São Miguel nell’arcipelago delle Azzorre.

Bagni Arabi di Granada

In prossimità del grande palazzo della Alhambra sorgono i bagni hammam di Granada dove, attraverso dipinti, architetture in stile arabeggiante, aromi d’Oriente e sapori di spezie, viene offerta una totale immersione nella cultura tradizionale araba dell’hammam e dei trattamenti per purificare la pelle.

Terme di Pammukkale in Turchia

Queste piscine termali sono talmente affascinanti da essersi aggiudicate il titolo di Patrimonio culturale dell’Unesco. Si tratta di enormi vasche marmoree simili a un grande campo di cotone (da qui deriva il loro nome che in turco significa “castello di cotone”), ottenute grazie alla sedimentazione del calcare contenuto in alte percentuali all’interno di queste acque termali dai forti poteri curativi. Uno spettacolo della natura che bisognerebbe visitare almeno una volta nella vita.
Fonte: Lifegate.it