L’Energia della Luna

Tempo di lettura stimato: 5 min

“Che fai tu, luna, in ciel? dimmi, che fai,/Silenziosa luna?”  -Giacomo Leopardi –Canto notturno di un pastore errante dell’Asia

Buongiorno amiche e amici! Oggi andiamo alla scoperta del nostro Pianeta Blu e anzi, anche oltre, perché superiamo i suoi confini e viaggiamo alla scoperta del nostro satellite, che illumina le nostre notti: la Luna! E che le influenza, anche. La saggezza popolare affonda le sue radici ai tempi in cui l’uomo viveva regolando la sua vita in armonia con la natura, e traccia di quell’epoca sopravvive anche oggi che ce ne siamo così tanto allontanati. Del resto, se la luna influenza le maree, perché non dovrebbe esercitare il suo influsso anche su di noi?

L’unica influenza provata scientificamente che la Luna esercita sulla Terra è di tipo gravitazionale. Il nostro satellite dista dalla Terra 384.000 km, ed ha una dimensione pari a 1/77 rispetto a quella del Pianeta Blu. Eppure l’influsso della luna agisce sull’atmosfera terrestre perché anche la luna ha un campo gravitazionale: questo campo, anche se molto meno forte di quello terrestre, si ripercuote sulla massa liquida della terra, cioè sui mari, che a differenza di quella solida è più facilmente deformabile. Così per via della forza di attrazione della Luna, sulla Terra si verificano i fenomeni cosiddetti di alta e di bassa marea: nell’ambito di un giorno lunare (che dura 24 ore e 50 minuti) si verificano nello stesso luogo con una periodicità di 12 ore e 25 minuti!

Pensate che la Luna esercita una forza di attrazione così grande che, attirando le acque, fa rallentare il moto di rotazione terrestre e dunque la durata del giorno, che si allunga in modo impercettibilmente; anzi, si è già allungata nel corso dei secoli!
Alcuni studi dimostrano che 1,5 miliardi di anni fa le giornate duravano circa 18 ore, perché la Luna era più vicino alla Terra. 

La Terra, mentre la Luna si allontana, si comporta come una ballerina che per fare una piroetta allarga le braccia per stare in equilibrio: rallenta il suo ritmo, e le giornate sono più lunghe!
Naturalmente la misura di questo progressivo allontanamento è minima: appena 3,82 centimetri l’anno!

Ma se abbiamo appurato che la Luna davvero esercita un’influenza sulle maree, come la mettiamo con la saggezza popolare che la vede influire anche sui nostri capelli, sulla crescita di fiori e piante? Le fasi lunari sono quattro: quando la Luna è tra la Terra e il Sole noi non la vediamo, è la fase di luna nuova; quando compare lo spicchio di Luna luminoso significa che è in fase crescente finché non raggiunge la fase di luna piena; quando comincia a decrescere siamo in luna calante.
I nostri nonni stavano molto attenti alle fasi della luna per piantare e seminare l’orto: ad esempio si dice che durante la fase della luna nuova il terreno beneficia dell’energia innovatrice, un momento perfetto per disintossicare l’organismo e anche il terreno, lasciando all’orto il tempo per permettere la guarigione di alberi malati. La luna crescente, invece, è il periodo perfetto per la crescita delle verdure che vanno piantate e seminate. Dietro questa saggezza c’è tanta esperienza, e anche se la scienza non ha mai provato queste tesi è naturale guardare a questa saggezza antica con curiosità ma anche rispetto. E poi, anche Rompisassi, che di terra se ne intende, dice di sentire un’energia diversa quando scava durante le diverse fasi lunari!

Infine… che legame avrebbe la luna con i nostri capelli? Beh, se la luna riesce a muovere gli oceani è realistico pensare che possa avere un influsso anche sulle energie del nostro corpo, nello specifico: sulla crescita di peli e capelli! Ecco perché durante la luna nuova la cosa migliore da fare è dedicarsi ai trattamenti di bellezza, mentre i capelli si tagliano durante la luna crescente o durante il plenilunio, Diva controlla sempre il calendario! Le fasi lunari si alternano nell’arco di un mese, perché tra una fase di luna nuova e l’altra trascorrono 29 giorni. Quindi se avete mancato l’appuntamento questo mese non preoccupate, lo farete il prossimo! 

Che crediate o no alla saggezza popolare o che vi affidiate alla scienza come faccio io, bisogna comunque riconoscere che il nostro Pianeta Blu è governato da equilibri che nonostante la chimica, la biologia, la fisica e ogni altra disciplina scientifica, ancora non siamo in grado di comprendere del tutto i meccanismi della terra. Perché il nostro pianeta blu, e noi Cuori Verdi lo sappiamo bene, è un luogo fatto di vita ed emozioni, di equilibri ed habitat, di perfezione nell’imperfezione!