Un’energia tra sole e acqua: l’arcobaleno!

Tempo di lettura stimato: 3 min

Tutti sognano davanti ai colori dell’arcobaleno e senza alcuna distinzione d’età. Quindi non vi preoccupate, qui non troverete spiegazioni troppo scientifiche, che non fanno tanto per me visto che sono un sognatore, anche se, a dire il vero, il mio amico Galileo mi ha aiutato nella ricerca delle curiosità che leggerete di seguito.

Partiamo con il dire che sono tante le credenze popolari che ruotano intorno all’arcobaleno: una delle più famose è la leggenda celtica della pentola d’oro che sarebbe situata proprio lì, dove finisce l’arcobaleno e i folletti celti (chiamati Leprecauni) la custodiscono. 

Ma vi siete mai chiesti come nasce un arcobaleno? Ma soprattutto che cos’è un arcobaleno? 

Cominciamo dal nome: il significato di arcobaleno deriva da arco e baleno (perché appare dopo i baleni, ossia i temporali). Di fatto l’arcobaleno è un fenomeno ottico e la posizione in cui appare dipende dall’osservatore e di solito è opposta al Sole. 

L’arcobaleno è un fenomeno derivato dall’acqua e dalla luce del sole. Quando ci sono gocce d’acqua dispese nel cielo, o nell’aria, che incontrano la luce del sole, ecco apparire il miracolo di 7 colori primari: violetto, indaco, azzurro, verde, giallo, arancione e rosso. 

Se ci sono nuvole scure, l’arcobaleno si mette ancora di più in risalto! E se ci sono due arcobaleni, lo spazio scuro tra i due si chiama Banda di Alessandro! Perché fu un filosofo greco, Alessandro di Afrodisia, che nel II sec. definì tale situazione.

A proposito di doppio arcobaleno, sapete che esistono anche arcobaleni tripli e quadrupli? Sono rarissimi! 

Ora vi svelo altre due curiosità che vi faranno rimanere a bocca aperta, un po’ come quando vedete uno splendido e spettacolare arcobaleno.

La prima
Sapete che gli arcobaleni si creano anche di notte? Solo che l’occhio umano non riesce a vederli! 

La seconda.
Nel 2013 a Parigi, comparve un arcobaleno orizzontale! Esatto, avete capito bene. Questo curioso avvenimento era dovuto al fatto che il sole era alto nel cielo e solo un fotografo riuscì a catturare questa bellezza, ed il suo nome è Bertrand Kulik. 

Ovviamente l’arcobaleno ha ispirato canzoni (Over the Rainbow nel classico Mago di Oz del 1940), citazioni, immagini, racconti e tanto altro!